Cambiale: definizione, funzionamento e perché utilizzarla

La cambiale rappresenta uno strumento finanziario fondamentale nel mondo degli affari e del commercio, in quanto offre un modo flessibile per effettuare pagamenti e ottenere finanziamenti. In questo articolo, parleremo del significato delle cambiali e delle loro diverse tipologie. Ci soffermeremo su come si compilano, come si utilizzano per effettuare pagamenti, i costi associati e le implicazioni che comportano, nel caso in cui non vengano pagate. Inoltre, discuteremo del ruolo dell’avallo nelle cambiali e affronteremo le differenze tra cambiale e assegno. 

Che cosa sono le cambiali

Le cambiali sono titoli di credito negoziabili, regolati dalla legge, che rappresentano un impegno scritto da parte di una persona – il debitore o traente – a pagare una determinata somma di denaro a un’altra persona – il creditore o beneficiario – in una data futura specificata o alla presentazione del titolo stesso. Le cambiali sono utilizzate ampiamente nel mondo degli affari per facilitare le transazioni commerciali, il finanziamento e il pagamento dei debiti.

Le diverse tipologie di cambiali

Esistono diverse tipologie di cambiali, ciascuna con le proprie caratteristiche e modalità di utilizzo. Ecco le principali:

  • cambiali ordinarie – sono cambiali con una data di scadenza prestabilita, in cui il pagamento deve essere effettuato alla data specificata;
  • cambiali a vista – queste cambiali devono essere pagate immediatamente alla presentazione, non prevedono alcun periodo di attesa;
  • cambiali in bianco – sono cambiali in cui il nome del beneficiario non è specificato, che permettono a chiunque ne sia in possesso di indicare il beneficiario desiderato.

Come si compila una cambiale

Per compilare correttamente una cambiale, è necessario includere le seguenti informazioni:

  • data e luogo di emissione: indica quando e dove è stata emessa la cambiale;
  • importo: specifica la somma di denaro che il debitore si impegna a pagare;
  • nome del beneficiario e del debitore: identifica chi è il creditore  – o beneficiario – e chi è il debitore – o traente –;
  • scadenza del pagamento: indica la data in cui la cambiale deve essere pagata;
  • firma del debitore: il debitore deve firmare la cambiale per confermare il suo impegno a pagare.

Come pagare con una cambiale

Il pagamento con una cambiale avviene mediante la presentazione del titolo al debitore alla data di scadenza o alla presentazione stessa, a seconda del tipo di cambiale. Il debitore può scegliere di pagare in contanti, con un bonifico bancario o tramite altri mezzi di pagamento concordati. Una volta effettuato il pagamento, la cambiale viene restituita al creditore come prova del saldo del debito.

Costi e termini di pagamento delle cambiali

I costi associati alle cambiali includono interessi e commissioni bancarie, che dipendono dalle condizioni negoziate tra le parti e dalle leggi vigenti nel paese in cui la transazione è effettuata. I termini di pagamento devono essere concordati tra il creditore e il debitore e devono essere rispettati per evitare conseguenze legali.

Cosa succede in caso di cambiale non pagata

Se una cambiale non viene pagata alla scadenza, il creditore può intraprendere azioni legali per ottenere il pagamento del debito. Queste azioni possono includere il ricorso a procedure di recupero crediti o azioni legali per il recupero del denaro dovuto.

L’avallo delle cambiali e il ruolo del garante

L’avallo delle cambiali avviene quando una terza persona – il garante – si impegna a pagare il debito nel caso in cui il debitore non sia in grado di farlo. Questo garante fornisce una maggiore sicurezza al creditore, poiché si assume la responsabilità del pagamento in caso di inadempienza da parte del debitore principale.

Cambiale e assegno: le differenze

Tra cambiale e assegno esistono differenze significative, vediamole nel dettaglio. Come accennato, la cambiale è un titolo di credito negoziabile emesso da una persona a favore di un’altra persona che costituisce un impegno scritto del debitore a pagare una somma di denaro specifica in una data futura determinata o alla presentazione del titolo stesso. L’assegno, invece, è un ordine di pagamento emesso dal titolare di un conto corrente bancario a favore di un’altra persona. Essenzialmente, l’assegno rappresenta un’istruzione data alla banca per pagare una determinata somma di denaro al beneficiario indicato sull’assegno.

Con la cambiale, il debitore si impegna direttamente a pagare la somma specificata al beneficiario entro una data specifica o alla presentazione del titolo. Il pagamento avviene tramite il trasferimento di denaro al beneficiario indicato sulla cambiale. Con l’assegno, invece, il titolare del conto corrente bancario emette un ordine di pagamento al proprio istituto bancario per trasferire la somma specificata al beneficiario indicato sull’assegno. Il debitore può quindi non essere necessariamente la persona che emette l’assegno, ma il titolare del conto corrente.

Infine, ci sono delle differenze di garanzia e sicurezza. Le cambiali possono essere garantite da un avallo, in cui una terza persona si impegna a pagare il debito nel caso in cui il debitore non sia in grado di farlo: questo offre una maggiore sicurezza al creditore. Gli assegni, invece, possono essere annullati o revocati dal titolare del conto corrente bancario prima che siano incassati: questo può generare rischi per il beneficiario in termini di affidabilità del pagamento.

Il prestito tramite cambiale: cos’è e come funziona

Il prestito tramite cambiale è una forma di finanziamento che prevede l’emissione di una cambiale come garanzia per il rimborso del prestito ottenuto. In questo caso, il debitore emette una cambiale a proprio nome e la cede al creditore come garanzia del prestito ricevuto. Alla scadenza prestabilita, il debitore è tenuto a restituire il prestito, altrimenti il creditore può procedere con le azioni legali per il recupero del debito.

In conclusione, le cambiali sono strumenti finanziari utili e versatili, ampiamente utilizzati nel mondo degli affari. È fondamentale comprendere appieno il loro funzionamento e rispettare i termini di pagamento per evitare conseguenze legali e proteggere i propri interessi finanziari.

Come monitorare la liquidità dell’azienda?

Adottare soluzioni software avanzate come Sibill, un tool di gestione finanziaria progettato per semplificare e automatizzare i processi, può aiutarti a gestire automaticamente i flussi di cassa della tua azienda.

Ecco alcune delle cose che puoi fare con Sibill:

  • collegare tutti i conti bancari per analizzare saldi e movimenti in un unico posto;
  • collegare i sistemi contabili per importare le fatture e ottenere la prima nota con un clic;
  • automatizzare la previsione di cassa e anticipare problemi di liquidità;
  • effettuare la riconciliazione automatica delle fatture risparmiando ore di lavoro manuale;
  • impostare delle notifiche per ricordarti tutti i pagamenti da effettuare o da ricevere.

E molto molto altro ancora.
Se sei alla ricerca di uno strumento che ottimizzi i tuoi processi di analisi, monitoraggio e calcolo del flusso di cassa, prova Sibill, è gratis!

iL temPo è Denaro.
riSparmia Su entRambi

Prova Gratis per 7 giorni

Nessun metodo di pagamento richiesto.

uomo al lavoro protetto da un caschetto di sicurezza

Scopri subito quanto costa Sibill

Richiedi una demo di Sibill

Compila il form e ti ricontatteremo per fissare un appuntamento secondo le tue disponibilità.