Rendiconto finanziario: cos’è e quando è obbligatorio?

Il rendiconto finanziario è un prospetto contabile essenziale per le imprese, poiché sintetizza i flussi finanziari avvenuti in un determinato periodo temporale.

Per tutte quelle aziende che seguono un regime contabile ordinario, dal 2016 – grazie alla modifica dell’art. 2423 del Codice Civile – il rendiconto finanziario è diventato un documento obbligatorio del bilancio d’esercizio, insieme allo stato patrimoniale, al conto economico e alla nota integrativa.

In questo articolo, ti forniremo alcuni esempi pratici per ottenere il massimo risultato dal tuo prossimo rendiconto.

Obiettivo e Contenuti del Rendiconto Finanziario

Il rendiconto finanziario ha lo scopo di presentare le variazioni dei flussi finanziari avvenuti nel corso dell’esercizio, evidenziando le entrate e le uscite di disponibilità liquide e mezzi equivalenti e fornendo, dunque, un resoconto più esaustivo della situazione finanziaria dell’impresa.

Questi flussi, all’interno del documento, sono distinti in base alla loro origine:

  • attività operativa (A)
  • attività d’investimento (B)
  • attività finanziaria (C)

Dedicando una sezione apposita a ciascuna tipologia di flusso di cassa, il rendiconto finanziario consente di ottenere una visione molto più completa e dettagliata di quanto ricavabile dallo stato patrimoniale, dal conto economico o dalla nota integrativa. Inoltre, offrendo indicazioni significative riguardo all’ammontare, alla tempistica e all’andamento ipotetico dei futuri flussi finanziari, il rendiconto permette agli imprenditori di intraprendere scelte strategiche, finalizzate alla crescita aziendale.

In altre parole, il rendiconto finanziario svolge un ruolo fondamentale nella gestione aziendale. Poiché analizza l’andamento dei flussi finanziari passati e rappresenta un punto di partenza essenziale per prevedere i flussi futuri e misurare i fabbisogni di liquidità relativi ai progetti in corso. Questa prospettiva è cruciale per una pianificazione finanziaria adeguata e per prendere decisioni informate riguardanti investimenti, finanziamenti e politiche aziendali.

Quando è obbligatorio il Rendiconto Finanziario?

Il rendiconto finanziario è obbligatorio solo per le imprese che superano per due esercizi consecutivi almeno due dei seguenti parametri:

  • Numero di dipendenti maggiore di 50 unità
  • Totale ricavi maggiori di 8.800.000 €
  • Totale attivo maggiore di 4.400.000 €

Questi sono gli stessi limiti per i quali è richiesta la redazione del bilancio in forma ordinaria.

Le imprese che non superano queste soglie – cioè le società che aderiscono alla contabilità semplificata – sono esonerate dall’obbligo di presentare il rendiconto finanziario e possono calcolare i flussi di cassa, senza seguire uno schema già predefinito.

Struttura del Rendiconto Finanziario

Lo schema utilizzato per la redazione del rendiconto finanziario può variare a seconda degli obblighi di legge e delle pratiche aziendali. Tuttavia, classificando i flussi finanziari in base alle attività che li hanno generati, gli schemi per la redazione del rendiconto finanziario condividono un’impaginazione generale di base. Come accennato in un paragrafo precedente, vengono solitamente distinti in tre sezioni:

  • Flusso finanziario operativo, ovvero il flusso di liquidità che deriva dalla differenza tra le entrate e le uscite monetarie derivanti dai componenti positivi e negativi di reddito contabilizzati nel documento di conto economico. Queste transazioni riguardano gli incassi e i pagamenti relativi alle attività principali dell’azienda, come vendite e acquisti di beni e servizi;
  • Flussi da attività di investimento, ovvero la differenza dei flussi di liquidità in entrata e in uscita derivanti rispettivamente dai disinvestimenti in immobilizzazioni e in attività finanziarie non immobilizzate e dagli investimenti in immobilizzazioni e in attività finanziarie non immobilizzate, contabilizzati nello stato patrimoniale;
  • Flussi da attività di finanziamento: includono tutte le operazioni finanziarie con terzi, come l’acquisizione di prestiti, l’emissione di obbligazioni, il rimborso di debiti e il pagamento di dividendi ai soci.

Un esempio pratico di Rendiconto Finanziario

Per comprendere meglio come viene redatto un rendiconto finanziario, prendiamo ad esempio una società immaginaria, la X Srl.

Rendiconto Finanziario della X Srl per l’esercizio 2022

Flussi da Attività Operativa:

  • Incassi da Clienti: €1.200.000
  • Pagamenti a Fornitori: €600.000
  • Pagamenti di Interessi: €50.000
  • Incassi di Dividendi: €30.000
  • Pagamenti di Tasse: €100.000

Flussi da Attività di Investimento:

  • Acquisto Nuovi Macchinari: €300.000
  • Incasso da Vendita Terreni: €50.000

Flussi da Attività di Finanziamento:

  • Emissione di Nuove Azioni: €200.000
  • Rimborso di Prestito: €100.000
  • Pagamento di Dividendi: €80.000

Disponibilità Liquide all’inizio dell’esercizio: €400.000
Disponibilità Liquide alla fine dell’esercizio: €450.000

Sibill, lo strumento per monitorare il flusso di cassa

Vorresti avere una visione dettagliata, completa e puntuale del tuo flusso di cassa in ogni momento, controllare le transazioni di tutti i tuoi conti correnti da un’unica schermata e categorizzare entrate e uscite secondo le tue regole?

Sibill è il tool che ti permette di fare tutto questo.

Con Sibill puoi categorizzare in modo automatico e personalizzato le tue transazioni, velocizzare il controllo dei trend di costi e ricavi e analizzare il flusso di cassa.
Inoltre, Sibill si collega velocemente e in totale sicurezza al tuo strumento di fatturazione, permettendoti di analizzare i movimenti e progettare in anticipo le tue azioni future.
Affidandoti a Sibill puoi: 

  • Collegare tutti i conti bancari per analizzare saldi e movimenti in un unico posto;
  • Collegare i sistemi contabili per importare le fatture e ottenere la prima nota con un clic;
  • Automatizzare la previsione di cassa e anticipare problemi di liquidità;
  • Effettuare la riconciliazione automatica delle fatture risparmiando ore di lavoro manuale;
  • Impostare delle notifiche per ricordarti tutti i pagamenti da effettuare o da ricevere.

Provalo, è gratis!

iL temPo è Denaro.
riSparmia Su entRambi

Prova Gratis per 7 giorni

Nessun metodo di pagamento richiesto.

uomo al lavoro protetto da un caschetto di sicurezza

Scopri subito quanto costa Sibill

Richiedi una demo di Sibill

Compila il form e ti ricontatteremo per fissare un appuntamento secondo le tue disponibilità.