Riclassificazione del conto economico a valore aggiunto: cos’è?

La riclassificazione del conto economico a valore aggiunto – EVA – è un processo contabile che mira a presentare in modo chiaro e trasparente le informazioni finanziarie di un’azienda. Attraverso questo metodo, le voci del tradizionale conto economico vengono rielaborate e organizzate in base a criteri che consentono di evidenziare meglio il valore generato dall’attività aziendale.

Il conto economico tradizionale, infatti, potrebbe riflettere solo parzialmente la complessità delle operazioni aziendali e potrebbe fornire un’analisi imprecisa dei costi e dei ricavi direttamente associati all’attività principale dell’azienda e quelli non correlati.

La riclassificazione del conto economico a valore aggiunto si propone proprio di superare queste limitazioni. Se sei interessato a saperne di più, prosegui con la lettura dei prossimi paragrafi!

Regolamentazione del conto economico

In Italia, il processo di redazione del conto economico – e la sua eventuale riclassificazione a valore aggiunto – è regolamentato dall’articolo 2425 del Codice Civile, che stabilisce le direttive per la presentazione del conto economico, e dai principi contabili italiani, con particolare riferimento al principio contabile numero 15 – OIC 15 –, che fornisce indicazioni sulla classificazione delle voci del conto economico.

Conto economico a valore aggiunto: come si redige

Come accennato, il conto economico a valore aggiunto è una versione modificata del tradizionale conto economico, dove le voci sono suddivise in base alla loro capacità di generare valore. Il calcolo del conto economico riclassificato a valore aggiunto permette di distinguere tra due aree:

  • l’area operativa, che comprende il calcolo del valore aggiunto, del margine operativo lordo e del reddito operativo;
  • l’area finanziaria, dove rientrano il calcolo del reddito prima delle imposte e del reddito d’esercizio.

Prima di tutto, è essenziale determinare il valore aggiunto, che si ottiene sottraendo i costi diretti della produzione, come il costo delle materie prime, dal valore complessivo della produzione. Questi costi diretti sono considerati spese monetarie; in questa fase, i costi relativi al personale non vengono ancora considerati. Attraverso il calcolo del valore aggiunto è possibile valutare il valore aggiunto dei prodotti rispetto alle spese sostenute per la loro produzione, escludendo ancora i costi diretti associati al lavoro dei dipendenti dell’azienda.

Successivamente, si procede al calcolo del margine operativo lordo – MOL –, che rappresenta il guadagno prima degli interessi, delle tasse e delle svalutazioni e ammortamenti. Il margine operativo lordo si ottiene sottraendo i costi del personale interni al valore aggiunto, i quali sono considerati anch’essi come costi operativi monetari.

Successivamente, viene calcolato il reddito operativo lordo – ROL – , che rappresenta il guadagno prima del pagamento degli interessi e delle imposte, al netto degli ammortamenti. Il reddito operativo lordo si ottiene sottraendo al margine operativo lordo i costi operativi non monetari, come gli ammortamenti, le svalutazioni e gli accantonamenti.

Questo valore non tiene ancora conto degli interessi e delle imposte, e sarà poi distribuito tra i soci – che riceveranno l’utile netto – le banche e i finanziatori – a cui spettano gli interessi – e l’erario – a cui spettano le imposte.

Il processo si conclude con la determinazione del reddito ante imposte – RAI – che rappresenta il reddito operativo lordo al netto degli interessi passivi e eventuali interessi attivi. Questo viene anche chiamato EBT – acronimo di Earnings Before Taxes -, ovvero i guadagni prima delle tasse.

Infine, si calcola il reddito di esercizio – RE – o utile di esercizio, sottraendo al reddito ante imposte le imposte. Questo valore viene quindi inserito nello stato patrimoniale come parte del patrimonio netto.


Per garantire l’affidabilità e l’utilità delle informazioni prodotte, è importante adottare criteri coerenti e trasparenti durante tutto il processo.

Come avere il controllo sulla liquidità aziendale

In conclusione, la riclassificazione del conto economico a valore aggiunto è un processo importante per migliorare la trasparenza e la comprensibilità delle informazioni finanziarie di un’azienda. Adottando criteri trasparenti durante il processo di riclassificazione, è possibile garantire la qualità e l’affidabilità delle informazioni prodotte, fornendo così una base solida per le decisioni aziendali e gli investimenti.

In questo senso, utilizzare un software come Sibill può contribuire significativamente a garantire la solidità finanziaria e la sostenibilità nel lungo termine. Sibill automatizza la gestione del flusso di cassa, consentendo di risparmiare tempo e limitare il rischio di fare previsioni sbagliate; con questo strumento puoi categorizzare in modo automatico e personalizzato le tue transazioni, velocizzare il controllo dei trend di costi e ricavi e analizzare il flusso di cassa.

Inoltre, Sibill si collega velocemente e in totale sicurezza al tuo strumento di fatturazione aziendale, permettendoti di analizzare i movimenti e progettare in anticipo le tue azioni future.

In pochi clic:

  • Colleghi tutti i conti bancari per analizzare saldi e movimenti in un unico posto, in modo facile e in totale sicurezza secondo la normativa PSD2;
  • Colleghi i sistemi contabili per importare le fatture e ottenere la prima nota con un clic;
  • Automatizzi la previsione di cassa e anticipi eventuali problemi di liquidità;
  • Effettui la riconciliazione automatica delle fatture risparmiando ore di lavoro manuale;
  • Monitori le scadenze in arrivo e solleciti  i clienti ritardatari nei pagamenti.

Sei alla ricerca di un alleato semplice e veloce da installare per gestire in modo efficace la tua liquidità, prova Sibill gratis!

iL temPo è Denaro.
riSparmia Su entRambi

Prova Gratis per 7 giorni

Nessun metodo di pagamento richiesto.

uomo al lavoro protetto da un caschetto di sicurezza

Scopri subito quanto costa Sibill

Richiedi una demo di Sibill

Compila il form e ti ricontatteremo per fissare un appuntamento secondo le tue disponibilità.